Istituti Manieri Copernico

Liceo Classico

Liceo Scientifico

CONTATTI
Vienici a trovare quando vuoi, da noi è sempre Open Day!

0677208032/0677208062

info@maniericopernico.it

centrostudimanieri@pec.it

via Faleria 21 - 00183 Roma

CF 01371770585 - P.IVA 03633741008

Top

Giornalismo 2.0: il blog e le nuove frontiere dell’informazione

Giornalismo 2.0: il blog e le nuove frontiere dell’informazione

blog

Ormai il numero 2.0 è messo dappertutto: internet, social, giornali ecc…invece può essere veicolo di lavoro molto importante. La scrittura per il web, o web content, non è più un tabù e tutti si possono affacciare a questa realtà in grado di offrire interessanti sbocchi lavorativi a costo zero. Se si vuole scrivere su testate online, blog o forum è bene tenere a mente alcuni principi fondamentali per portare a termine un lavoro fatto con tutti i crismi del caso.

Mettiamoci a scrivere

Scrivere un articolo è l’ultimo passaggio di un lavoro molto complesso:

1) La Notizia innanzitutto (studio delle fonti guardando con attenzione il materiale in nostro possesso)

2) Pensa al titolo: un buon titolo porta un buon articolo

3) L’attacco (incipit) è ciò che tiene gli occhi del lettore fissi sul tuo articolo. L’attacco deve contenere le famose 5 “W” (Chi, cosa, dove, quando, perchè)

4) Lettore: il lettore va profilato, bisogna individuare il tipo di pubblico interessato al tuo lavoro tentando di creare una sorta di percorso che accompagni il lettore nel cuore del tuo testo.

5) Corpo dell’articolo: contiene una descrizione approfondita dell’attacco.

6) Conclusione: serve fare una sorta di riassunto di tutto l’articolo, deve essere incisiva e chiara e, magari, lasciare al lettore la possibilità di creare in sé altre domande e voglia di approfondire

Blogging

Blogger e WordPress sono le due piattaforme che monopolizzano il mondo dei blog. Il blog è una sorta di diario i cui contenuti vengono visualizzati in modo cronologico. La semplice costruzione di un blog ha permesso a molti ragazzi di condividere le proprie passioni, sentimenti, lavori, disegni, musica attraverso il web spendendo (in alcuni casi) solo il costo del dominio. Questo ha comportato una vera e propria rivoluzione nell’ambito della scrittura e del giornalismo: proliferano a più non posso blog tematici (news, calcio, sport, cultura) che spesso sono più attendibili delle testate più rinomate.

Questo può sembrare molto strano invece, a pensarci bene, è proprio l’informazione indipendente che consente al lettore di farsi un’idea su un determinato fatto senza farsi influenzare da quotidiani o testate online assoggettate a qualche potere forte. Questo ha portato il giornalismo 2.0 in vetta alle preferenze anche dei giovani grazie al tono colloquiale per nulla formale che alcuni blogger utilizzano nella stesura dei propri articoli.

I blog turistici, ad esempio, sono un esempio lampante di quanto detto: vedere un sito web aziendale è fidarsi di ciò che ci viene raccontato è come chiedere all’oste se il suo vino sia buono. Nel mondo 2.0 l’opinione e la recensione sono vere e proprie “carte di credito”: ormai non ci si fida più del bel sito con immagine magari ritoccate con photoshop ma ci si affida ai blogger i quali diventano a loro volta “influencer” nella propria materia.

Questo naturalmente ha portato anche un aumento di qualità dei servizi offerti perchè se fino a pochi anni fa vedere qualche immagine sul web era l’unico modo per farsi condizionare, il mondo dei blogger ha consentito di scoprire quel “vaso di pandora” che prima era ben nascosto portando molti addetti ai lavori di correggere immediatamente tutte le magagne. In principio era TripAdvisor, odiato ed amato allo stesso tempo, ora blogger tematici sono anche più severi nei commenti e nei giudizi proprio per quell’ indipendenza dell’informazione che essi rappresentano.

Diventare blogger

Diventare blogger è semplice: basta scegliere la propria piattaforma, un argomento in cui ci si sente ferrati e soprattutto avere tempo per scrivere contenuti secondo la “legge del SEO” (ci sono a tal proposito una moltitudine di corsi a pagamento e anche gratuiti con attestati di partecipazione sia in sede che on line per non parlare dei tutorial). L’aggiornamento deve essere giornaliero e i contenuti originali al 100%. Vi ricordate quando parlavamo in questo articolo della scelta della facoltà? Ecco, se ci si sente pronti per le lettere, un blog può essere proprio quella piattaforma culturale di appoggio al vostro percorso di studi e chissà che, magari col tempo, non possa diventare anche una vostra forma di guadagno…la fashion blogger Chiara Ferragni docet!