Istituti Manieri Copernico

Liceo Classico

Liceo Scientifico

CONTATTI
Vienici a trovare quando vuoi, da noi è sempre Open Day!

0677208032/0677208062

info@maniericopernico.it

centrostudimanieri@pec.it

via Faleria 21 - 00183 Roma

CF 01371770585 - P.IVA 03633741008

Top

Come prepararsi ai test di ammissione universitari

Come prepararsi ai test di ammissione universitari

Test

La Legge 2/8/1999 n 264 ha letteralmente cambiato il mondo universitario: pensate che fino a pochi anni fa per diventare infermieri bastava un corso triennale della Regione, invece ora serve un diploma di laurea che si può ottenere previo ingresso alla facoltà attraverso i tanto odiati test di ammissione. Questi test servono a qualcosa? Probabilmente no, non sono selettivi come vorrebbero essere e soprattutto non indicano adeguatamente il livello di “merito” del singolo alunno.

Professioni Sanitarie, Architettura, Medicina e Chirurgia, Veterinaria sono solo alcune delle materie più gettonate e di più difficile accesso dato che ci si trova a confrontare spesso con materie vere e proprie spauracchio per lo studente. Per quanto riguarda le materie scientifiche, prendiamo queste come riferimento dato che sono fonte di polemiche ogni anno, le materie da studiare sono Biologia, Chimica, Fisica, Matematica, Cultura Generale e Logica materie per cui o sei portato oppure è difficile studiarle adeguatamente.

Sapere in che anno è iniziata la Seconda Guerra Mondiale non è, senza tema di smentita, la cosa più importante che deve conoscere un medico che sta operando a cuore aperto o sta conducendo un trapianto all’avanguardia e proprio per questa motivazione i test di ammissione sono sempre stati visti con discredito: probabilmente sarebbe più semplice ammettere tutti indistintamente per poi ammettere agli anni successivi chi davvero merita sulla base del voto finale (si, come a scuola!) ma dato che parliamo di materie in cui si entra in contatto con molte delle nostre più recondite fobie, ci sarà una vera e propria selezione naturale che sostituirà anche gli esami dei professori.

Prepararsi ai test di ammissione

Come ci si prepara ad un test di ammissione? Le possibilità sono due: o ci si preparar per conto proprio oppure si fanno quei corsi di preparazione che sono costosi ma anche utili perchè forniscono consigli e piccoli trucchi per superare quello che è un test davvero molto complesso. Fondamentale è una buona preparazione scientifica, quindi si consiglia agli studenti che vogliono affrontare il test di prepararsi adeguatamente già durante il liceo dato che il quinto anno è quello che fornisce gli argomenti dei test. Per questo le tempistiche devono essere calcolate sul lungo termine: è impensabile studiare un manuale di circa 1000 pagine in pochi mesi, sarebbe uno sforzo eccessivo e non produttivo.

Al termine del quarto anno è bene cercare di capire cosa si vuole fare, dando un’occhiata alle professioni più richieste, e cominciare ad acquistare i libri affiancando la preparazione del quinto anno a quella per il test di ammissione in modo di cogliere i proverbiali “due piccioni con una fava”. Non dimenticare mai di acquistare i libri con i test e di dare un’occhiata a quelli degli anni precedenti: in questo modo vi renderete conto di cosa vi aspetta sia in termini di argomento che in termine di difficoltà.

Se chimica, fisica, biologia e matematica si possono studiare e/o ripassare per cultura generale serve una tecnica diversa: non esistono libri di cultura generale se non le care vecchie enciclopedie la cui lettura porterebbe via anni nel vero senso della parola. Come prepararsi? E’ semplice. Intanto si acquistano testi con domande di cultura generale, si fanno i migliaia di test che si possono trovare sul web e soprattutto cerchiamo di essere curiosi: leggiamo giornali, sentiamo notiziari, consultiamo siti di informazione generalista, questo vi consente di “essere sul pezzo” sempre senza disperdere eccessivamente il patrimonio informativo.

Anche le domande di logica sono molte insidiose nel test di ammissione: ma anche qui ci sono molti siti web e libri che consentono all’alunno di superare l’iniziale incomprensione della sequenza numerica o delle immagini che, di primo impatto, non hanno senso alcuno. Questo punto non deve preoccuparvi, qui si può studiare e migliorare con un minimo di voglia e di voglia anche di divertirsi.

Calcolare i tempi

Il tempo da calcolare è di un anno abbondante ma sfruttate le materie scolastiche come propedeutiche allo studio del manuale per il test di ammissione.  Può sembrare molto ma un testo di mille pagine infarcito di nozioni (peraltro simili ai testi scolatici) non è così facile da digerire: se si ha un po’ di tempo e qualche soldo da investire, vi sono innumerevoli ed accreditati corsi che consentono all’alunno di preparasi per tempo al test concentrando il proprio sforzo sui quesiti di logica ad esempio più che di cultura generale che, come abbiamo detto, non si apprende tramite libri ma solo tramite la curiosità insita in noi stessi. Ma attenzione, nessun corso ha la bacchetta magica, sta all’alunno impegnarsi fino in fondo per tentare di superare il test cercando di essere anche più forti degli eventuali raccomandati.

C’è un trucco per entrare nelle professioni sanitarie: non scegliete atenei e/o ospedali di grande importanza, sono i più gettonati e più è gettonato l’ateneo più il voto deve essere alto. Può risultare utile concentrare i propri sforzi sui piccoli ospedali di provincia dove per entrare serve un punteggio sicuramente più basso e dove probabilmente si è seguiti anche meglio.

Ma il “trucco-non trucco” da dare è questo: studiate bene, puntate al massimo del punteggio previsto, in questo modo non c’è raccomandato che tenga!